...because open source matters

Concerto per Sudarium Christi

Rive-Gauche Concerti per il Coordinamento Associazioni Musicali Città di Torino
Rassegna "Sudarium Christi 2015"
Torino, Chiesa della SS. Annunziata, 16 maggio 2015 ore 21
Herzlich tut mich verlangen
(Anelo con tutto il mio cuore)

Tiziana Scandaletti soprano
Daniela Valdenassi mezzo-soprano
Matteo Pavlica tenore
Mario Tento baritono
Marco Limone organo
Riccardo Piacentini regia del suono
Gruppo Vocale Eufonè
Alessandro Ruo Rui direttore
PROGRAMMA

Felix Mendelssohn-Bartholdy (1809-1847)
Sonata n. 3 in la maggiore op.65

Johannes Brahms (1833-1897)
Preludio al corale “Herzlich tut mich verlangen” op. 122 n. 9

Max Reger (1873-1916)
Introduzione e Passacaglia in re minore
_________

Riccardo Piacentini (1958)
Da “Mal’akhim”
Dramma spirituale in un atto e tre quadri su libretto di Gabriella Bianco

• Preludio I per nastro magnetico
• Intrada per l'organo
per organo
• Kadosh! Kadosh! Kadosh!
per mezzo-soprano, baritono, coro e organo
• Apparizione di Metatron
per nastro magnetico
• Attento, Lucifero
per tenore, baritono, coro e organo
• La battaglia
per nastro magnetico
• La cacciata degli Angeli disertori
per baritono, coro e organo
• Lamento di Tamiel e Asbeel
per soprano, tenore e nastro magnetico
• La lotta contro il drago
per soprano e nastro magnetico
• Canto di ringraziamento
per mezzo-soprano, tenore e nastro magnetico
• Introduzione al Finale
per nastro magnetico
• Finale
per soprano, mezzo-soprano, tenore, baritono, coro e nastro magnetico

Note illustrative al programma

Herzlich tut mich verlangen (Anelo con tutto il mio cuore) è l’incipit di uno dei più celebri testi di corale. In questo programma per la rassegna Sudarium Christi è stato scelto come chiave di lettura per tutti i brani proposti.

I quali vanno, in ordine cronologico, dalla “Bach-Renaissance” della terza delle sei Sonate per organo op. 65 di Felix Mendelssohn-Bartholdy, pubblicate nel 1845 sul finire della breve vita del compositore e considerate uno dei capisaldi della letteratura; al nono degli undici Preludi corali op. 122 di Johannes Brahms, pubblicato postumo nel 1896, che proprio a Herzlich tut mich verlangen direttamete si ispira, uno dei brani più dolci e intensi usciti dalla penna del maestro amburghese; all’apocalittica Introduzione e Passacaglia in re minore di Max Reger, del 1899, che è tra i lavori per organo cui l’autore non ha assegnato numero d’opera, quasi tutti concepiti in modo minore.

A questa escalation di “aneliti”, dall’omaggio mendelssohniano tra Bach e Lutero alle densità contrappuntistiche di Reger passando per le intime armonie brahmsiane, segue nella seconda parte del programma il ritorno a Torino dell’opera sacra Mal’akhim, dopo la prima esecuzione avvenuta in Duomo nel dicembre 1998 con l’idea di regia di Sylvano Bussotti, l’allestimento del Teatro Regio e la registrazione integrale di RAI-Radio3. La prima rappresentazione si tenne a Vancouver l’anno precedente. Qui vengono ripresi alcuni estratti sotto forma di oratorio. La storia che si narra è quella dell’anelito d’amore tra due angeli cui è negata la possibilità di vivere eternamente vicini, senonché l’amore divino infine trionferà accogliendo le implorazioni di entrambi. L’opera nel suo complesso si articola in tre quadri, con un organico di quattro voci soliste, coro, organo e “nastro magnetico”. Il primo e l’ultimo quadro rileggono in codice il coro d’apertura della Johannes Passion di Bach, mentre il secondo cripta l’Adagio dal Concerto in la maggiore K. 488 di Mozart, due lavori particolarmente cari all’autore di questo appassionato “dramma spirituale”.
Il programma vuole essere tributo a una spiritualità carica di pathos.

 

Rive-Gauche Concerti
Strada degli Alberoni 12/22, 10133 Torino - Tel. e fax +39.011.6614170
Copyright © 2017 Rive-Gauche Concerti