...because open source matters

La voce contemporanea in Italia vol 4 - Recensioni

Print
Article Index
La voce contemporanea in Italia vol 4
Note illustrative
Recensioni
Interviste

Recensioni

Da “il Giornale della Musica” di novembre 2010: Voci d'oggi

“[...] Ormai provetti i due bravissimi interpreti, massimamente nel repertorio contemporaneo, nel quale fanno valere una straordinaria duttilità nell'affrontare lavori assai differenti per estetica e tecnica compositiva, dimostrando quanto l'organico conservi ancora oggi enormi potenzialità di approfondimento.” (Alessandro Mastropietro)

Da “Classic Voice” di febbraio 2010: La voce contemporanea in Italia n. 4

“[...] L'idea è semplice ed importante allo stesso tempo; i due artisti [del Duo Alterno] si stanno dedicando all'incisione di lavori per voce e pianoforte di autori italiani contemporanei, molti dei quali - come qui nel caso di Marcello Abbado (Vocalizzo sopra ‘Ma se mi toccano’ dal Barbierre di Siviglia) e Gilberto Bosco (... im Traume) - sono stati loro dedicati. La perizia dei due interpreti non si limita, com'è ovvio, all'indubbia bravura tecnica, ma s'estende opportunamente alla ben più importante capacità d'aderire stilisticamente a lavori diversissimi tra loro, sempre mettendo al servizio dei compositori, e non del proprio ego, la loro arte. A parte i magnifici e noti pezzi di Franco Donatoni (... ed insieme bussarono) e Sylvano Bussotti (Lachrimae), si segnalerà un'intrigante versione di Stripsody di Cathy Berberian [...] un vero e proprio ‘sesto grado’ della voce, magistralmente eseguito dalla Scandaletti. Accanto al divertente e ironico pezzo di Marcello Abbado [...] si segnaleranno le composizioni di Gilberto Bosco (ispirato al celeberrimo Lied Ich grolle nicht di Schumann) e dello stesso Piacentini, An Mozart, il quale - grazie anche alla complicità del Quartetto Penderecki - lavora sulla base musicale di due Lied di Mozart, utilizzandone i materiali melodici, trasformandoli però secondo moderni codici contrappuntistici.” (Elvio Giudici)

“Tra i promotori più assidui di musica contemporanea c'è il torinese Duo Alterno [...] I due giungono alla quarta incisione discografica della serie La voce contemporanea in Italia della Stradivarius (nei precedenti tre, autori come Dallapiccola, Petrassi, Berio, Manzoni, Maderna, Nono, Vacchi, Mosso, Colla, Pinelli e altri). Nel quarto il Duo Alterno aggrega a sé, in una pagina di Piacentini stesso, il Penderecki String Quartet: è An Mozart [...] in cui giocano in modo decisivo i cosiddetti ‘foto-suoni’, cioè [...] ‘suoni-luce’, ‘suoni-lampeggiamento’. In Lachrimae interviene anche la voce di Piacentini con frammenti in varie lingue [...] Franco Donatoni è ricordato da una ermetica pagina sui misteri della vita e della morte. Rimarchevole il Vocalizzo che Marcello Abbado ha dedicato al Duo Alterno [...] la melodia è ampiamente detrutturata, sovente ridotta a semplici vocali, che Tiziana trasforma in una pagina simpaticamente erotica [...] Gilberto Bosco sfoggia la sua abilità di trarre il significato profondo delle parole appoggiandosi a un celebre Lied di Schumann. In mezzo a queste pagine, Tiziana Scandaletti si lancia nel brano per voce sola ‘Stripsody’ [...] geniale [...] legando versi, rumori, gorgoglii, grugniti, parole onomatopeiche da fumetto.” (Leonardo Osella)

Da “La Stampa – Torino Sette” del 12 febbraio 2010: Duo Alterno: se la timida Rosina del “Barbiere” gioca a far la sexy

Da “Amadeus” di ottobre 2009: La voce contemporanea in Italia, Vol. 4. Giudizio artistico ****, giudizio tecnico ****

“Giunta al IV volume la raccolta del duo formato dal pianista e compositore Riccardo Piacentini e dal soprano Tiziana Scandaletti dedicata alla voce contemporanea [...] repertorio che si iscrive nel solco della nobile tradizione dei Lieder [...] A quel mondo si richiamano infatti il dittico in lingua germanica di Mauro Bortolotti Schatten (1995) e Ein Spiel (1995), così come il Lied ...im Traume (2007) di Gilberto Bosco [...] Stesso discorso per quanto riguarda An Mozart (2008) dello stesso Piacentini, che rielabora materiali liederistici mozartiani, allargando l'organico a cinque parti strumentali con l'aggiunta del Penderecki String Quartet. Con Vocalizzo [...] (1997) di Marcello Abbado si tocca il mondo dell'opera lirica con una rinnovata sensualità che rende questa una delle migliori pagine del disco. Ai fascinosi anni '70 guardano le composizioni, entrambe del 1978, di Donatoni e Bussotti: rispettivamente ...ed insieme bussarono [...] e Lachrimae (della versione per voci e pianoforte autorizzata dall'autore si può apprezzare una performance teatral-gestuale su YouTube). Infine Stripsody (1966) di Cathy Berberian [...] ambitissimo terreno di confronto per le cantanti d'oggi.” (Michele Coralli)

Da “Musica e Scuola” del 15 settembre 2009: La voce contemporanea in Italia, Vol. 4

“Ormai sulla scena internazionale da diversi anni, il Duo Alterno, formato da due valenti professionisti, Tiziana Scandaletti (voce) e Riccardo Piacentini (pianoforte), con questo quarto cd dedicato ai compositori contemporanei [...] offrono un panorama diverso dedicato alla voce e pianoforte [...] Un grande plauso al Duo Alterno che con un lavoro certosino e immane riesce a trasmettere e a lasciare in registrazioni il patrimonio musicale del nostro tempo.” (Michele Gioiosa)

Da “Io Donna – Corriere della Sera” del 12 settembre 2009: La voce contemporanea in Italia, Vol. 4

“Il soprano Tiziana Scandaletti e il pianista Riccardo Piacentini, ovvero Duo Alterno, [...] in questa quarta tappa affrontano pagine quanto mai differerenziate di Bussotti, Bortolotti, Abbado, Donatoni, Berberian, Bosco e dello stesso Piacentini. Lo fanno con le consuete duttilità stilistica e intelligenza interpretativa, rivelando anche sapori dimenticati.” (Enrico Girardi)

Da “allmusic” dell'1 settembre 2009: La voce contemporanea in Italia, Vol. 4

“La raccolta edita da Stradivarius La voce contemporanea in Italia rappresenta una panoramica esauriente della nuova musica vocale italiana [...] L'interprete di tutti i volumi della serie, di cui questo è il quarto, è il Duo Alterno [...] Scandaletti è un ‘soprano della nuova musica’ dal grande talento (‘very gifted’) [...] ben versata soprattutto nelle tecniche dell'avanguardia; più come Cathy Berberian, Jan De Gaetani, Esperanza Abad e altri soprano di una grande generazione. Piacentini si dimostra esperto dentro il pianoforte e nel maneggiare sorgenti sonore esterne così come anche alla tastiera. Per il lavoro di Riccardo Piacentini, An Mozart (2008), il duo è insieme al Penderecki String Quartet [...] un programma davvero forte che sembra avere l'eredità dell'opera nel suo cuore [...] Lachrimae di Sylvano Bussotti [...] emerge come un ‘twelve-tone vampire intermezzo’, con un perfido riso (‘wicked laughter’) and un alto senso di drammatica ironia. Macello Abbado [...] è rappresentato dal Vocalizzo sopra ‘Ma se mi toccano dov'è il mio debole’ dal Barbiere di Siviglia (1997); la celebre aria di Rossini è trasformata in gemiti erotici con il favore delle atmosfere rese dall'abile trattamento della cordiera del pianoforte da parte di Piacentini. Tuttavia il cavallo di battaglia è l'assolo della Scandaletti in Stripsody (1966) di Cathy Berberian [...] un tour de force per un soprano lirico che guarda oltre. Scandaletti lo esegue con rimarchevole entusiasmo ed è un grande divertimento (‘a great deal of fun’).” (Uncle Dave Lewis)

Da “La Gazzetta di Parma” del 24 agosto 2009: Classico in discoteca. Musica e poesia. Voci contemporanee delle due “sorelle” [...]

“[...] un interessantissimo disco dedicato alla ‘Voce contemporanea in Italia’, quarta tappa di un percorso che il Duo Alterno, composto dal soprano Tiziana Scandaletti e dal pianista e compositore Riccardo Piacentini, è andato disegnando per la Stradivarius nell'intendimento di ricostruire la varietà di atteggiamenti che hanno contrassegnato nel Novecento il rapporto tra le ‘due sorelle’ [musica e poesia]. Rapporto non propriamente idilliaco, e le ragioni storiche ce le spiega appunto con la sua penetrante intelligenza Principe [autore delle note illustrative del booklet] soffermandosi sull'isolamento italiano rispetto alle felici convergenze offerte da altre civiltà, dalle raffinatezze fiamminghe all'avvoglente interiorità del liederismo romantico. E proprio in rapporto a tale fondale sembra porsi in controluce il profilo di questa proposta, nel gioco alterno tra musicisti che, non senza rovelli e magari utopisticamente, lasciano affiorare tale passato ed altri che invece sembrano affrontare il rapporto tra poesia e musica dopo aver azzerato la tavola. Come sembra fare Donatoni nella breve pagina ...ed insieme bussarono toccata da quella impagabile felicità con cui animava anche il ripiegamento decostruttivista; e pure il più impegnativo lavoro di Bussotti, Lachrimae, nel modo con cui agita nel suo inquieto crogiolo quattro lingue diverse avvitandole nella congeniale vocazione coreografica. Non poteva mancare in questo avvincente viaggio il ricordo della strepitosa vocazione vocalistica di Cathy Berberian di cui Tiziana Scandaletti rinnova con bravura e intelligenza il fascino ricomponendo una delle sortite più famose, Stripsody. E sempre sul filo di una sottile parodia si muove Marcello Abbado giocando tra fonemi e gestualità nel Vocalizzo sopra una nota pagina del Barbiere rossiniano. Il passato invece riaffiora, senza insistita nostalgia, ma come una trepida, allarmata veronica, dalle due tenere pagine di Mauro Bortolotti così come il richiamo liederistico allo Schumann di Ich grolle nicht diventa oltremodo istigante per Gilberto Bosco. Infine, un sollecitante gioco dello stesso Piacentini, An Mozart, divertente per gli ascoltatori non meno che per gli esecutori, divenuti sei nel caso, ché ai ben compresi componenti del Duo Alterno si unisce il Penderecki String Quartet.” (Gian Paolo Minardi)

Da “Il Cittadino” del 15 luglio 2009: La scena contemporanea

“Quarto poderoso mattone di un’architettura che, ancora più in questi tempi di magra, sa di eroico, l’ultimo caparbio volume che l’etichetta Stradivarius dedica alla voce contemporanea in Italia. Superbo, davvero, in questa ‘restituzione’ tutta italiana il Duo Alterno di Riccardo Piacentini e Tiziana Scandaletti, rispettivamente pianoforte e voce di un’infinita palette di colori e umori giocati in totale adesione alle pagine e all’insieme. Un contemporaneo che poggia sull’antico, sul mai rinnegato universo dell’ordine possibile e della parola felice, quello del melodramma e delle lingue morte, che affiorano come busti marmorei in un sentiero frondoso. Un intero giro di compasso nel tempo e nello spazio, un’antologia insieme personale e universale [...] il maestro sommo Bussotti, lo scienziato Donatoni, l’onnivora Cathy Berberian, il malinconico Gilberto Bosco. Un’ora di ascolto che riavvolge e raggruma una manciata di anni febbrili per la musica nazionale, per ora irripetibili. A suggellare il tutto, un Piacentini intenso compositore allevato alla scuola di Bussotti, con un personalissimo sguardo ‘An Mozart’.” (Elide Bergamaschi)

Da “Musica e dischi” di luglio 2009

“[...] il bellissimo quarto volume di La voce contemporanea in Italia: pagine di Bussotti, M. Abbado, Donatoni, Bortolotti, Cathy Berberian e Bosco [...]” (Diana Leva)

Da “Blow Up” di luglio 2009

“Il soprano Tiziana Scandaletti, con il sussidio di Riccardo Piacentini al pianoforte e in un caso del Penderecki String Quartet, compila un'antologia di brani [... in cui] ritroviamo Lachrimae di Bussotti, ...ed insieme bussarono di Donatoni, Stripsody di Cathy Berberian insieme con brani di Bortolotti, Abbado, Bosco e dello stesso Piacentini. Molta e diversa carne al fuoco ma ben arrostita da un'esecuzione di livello.” (Piercarlo Poggio)

Da “SentireAscoltare” del 19 giugno 2009: La voce contemporanea in Italia vol. 4, Duo Alterno, Stradivarius

“Progetto ambizioso quello del Duo Alterno [...] Singoli volumi, pubblicati, a partire dal 2005, a cadenza più o meno annuale, che partono da un’idea unificante, da un ‘leit-motiv’, come lo definisce la Scandaletti. Il primo è costruito sul rapporto tra alcuni compositori italiani e grandi poeti a loro contemporanei (basti ricordare, tra i tanti, i legami artistici tra Petrassi e Quasimodo o tra Corghi e Ungaretti); il secondo (uscito nel 2006) riflette sulla ‘contaminazione’ tra generi, lingue e linguaggi (rappresentata da autori come Morricone, Maderna, Sciarrino), mentre il terzo approfondisce il discorso linguistico concentrando l’attenzione su compositori che hanno lavorato su testi in lingua tedesca (tra cui Clementi, Manzoni e i più giovani Alberto Colla e Luca Lombardi). Il nuovo anello della catena, che non sembra doversi chiudere, a detta degli stessi musicisti (che abbiamo intervistato nella rubrica ‘I cosiddetti Contemporanei’), raggruppa una serie di compositori che hanno tratto ispirazione, per alcune loro opere, ai classici del passato. Tra questi si inserisce anche Piacentini stesso che, insieme al Penderecki String Quartet, presenta la sua An Mozart, una partitura concepita per quartetto d’archi e “foto-suoni” (un’interessante idea [...] che prevede l'interazione tra suono e immagine fotografica) ed elaborata a partire da due Lieder di Mozart. Un posto di particolare riguardo spetta a Lachrimae di Sylvano Busotti (‘un capolavoro di strutturalismo anarchico’ la ha definita Riccardo) e alla bella interpretazione della Scandaletti del testo-non testo di Cathy Berberian, Stripsody, una ‘partitura’ che richiede capacità di recitazione e una libertà interpretativa non indifferenti [...]” (Daniele Follero)

Da “musicycle.net” del 19 giugno 2009: Duo Alterno, La voce contemporanea in Italia vol. 4

http://www.musicycle.net/index.php?option=com_content&task=view&id=495&Itemid=10081

Da “corrierebit.com” del 12 giugno 2009: Brani vocali di musicisti contemporanei per la Stradivarius

“[...] Protagonisti dell'interessante lavoro il Duo Alterno e, in uno degli otto brani presenti, anche il Penderecki String Quartet. Il Duo, di livello internazionale, è formato dal soprano Tiziana Scandaletti e dal pianista-compositore Riccardo Piacentini. Nel cd La voce contemporanea in Italia - vol. 4 si possono ascoltare brani composti tra il 1966 e il 2008 da Bussotti, Bortolotti, Abbado, Donatoni, Berberian, Bosco e lo stesso Piacentini. La voce femminile ha sempre un ruolo centrale in tutte le composizioni. I brani ‘storici’ di Bussotti e Donatoni, Lachrimae e ...ed insieme bussarono, sono entrambi del 1978 [...] una forte componente gestuale e teatrale si evidenzia nel primo e un bisogno di libertà strutturale, ben definita sino dai primi attacchi timbrici della voce femminile, nel secondo. Questo bisogno di teatralità espressiva è ancora più evidente nel brano per sola voce Stripsody del 1966 [...] della grande Cathy Berberian. Ottima l'interpretazione della Scandaletti. [...] Vocalizzo sopra ‘Ma se mi toccano dov'è il mio debole’ dal Barbiere rossiniano di Marcello Abbado, composto per il Duo Alterno, è un bell'esempio di divertissement musicale scritto nel 1997, che gioca su un'infinita possibilità di variazioni timbriche della voce. ...im Traume, brano del 2007 di Gilberto Bosco, ancora dedicato al Duo, ha il testo in tedesco: parte da Schumann per arrivare a una appassionante trasofrmazione in chiave moderna [...] An Mozart, scritto da Piacentini nel 2008, unisce la voce e il pianoforte ad un quartetto d'archi e presenta caratteristiche musicali dove le influenze della tradizione tedesca del primo Novecento si uniscono nel finale ad un passato musicale facilmente riconoscibile. La ricerca sul testo è mediata da un linguaggio visionario ricco di suggestive immagini. Un cd ottimamente interpretato che raccomandiamo a tutti gli amanti della vocalità.”

Da “ESZ News” di giugno 2009: Una notte postmoderna

“[...] ...im Traume per voce e pianoforte su testo di Heine, nell'interpretazione del Duo Alterno [...], è uscito nel CD miscellaneo La voce contemporanea in Italia - vol. 4 (Stradivarius 33833), una «bellissima antologia [...] un panorama che onora l'arte italiana del Novecento» (Claudio Strinati su la Repubblica) con cui Bosco s'inserisce nell'importante serie di autori contemporanei meritoriamente portati all'attenzione del pubblico dai due artisti, «portavoce di assoluto riferimento per sensiibilità e preparazione e di encomiabile coerenza nelle scelte interpretative e di repertorio» (Claudio Bolzan su Hortus Musicus).”

Da “4ARTS” del 3 maggio 2009: Il nuovo disco del duo Alterno dedicato alla voce contemporanea

“Il Duo Alterno [...] esce con la raccolta n° 4 de La voce contemporanea in Italia. Non è facile trovare nel già asfittico panorama discografico italiano operazioni così coraggiose. Un tributo a Bussotti, con il suo straordinario Lachrimae, Donatoni, Berberian, tanto per citarne alcuni, con l'eccellente esecuzione del Duo che ormai si conferma come uno tra i più prestigiosi ensemble nel panorama italiano.” (Daniele Ribustini)

 



 

Rive-Gauche Concerti
Strada degli Alberoni 12/22, 10133 Torino - Tel. e fax +39.011.6614170
Copyright © 2017 Rive-Gauche Concerti