...because open source matters

Retrospective - 2010

Article Index
Retrospective
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
Quattordicesimo anno consecutivo della rassegna Musiche in mostra, XXV stagione annuale di concerti con letture e atelier organizzata da Rive-Gauche Concerti presso la GAM – Galleria d'Arte Moderna di Torino e, da quest'anno, a Palazzo Rosso di Genova.

14th consecutive edition of Musiche in mostra, 25th annual concert season with readings and ateliers organized by Rive-Gauche Concerti at the GAM – Galleria d'Arte Moderna in Turin and, from this year, the Palazzo Rosso in Genua.

Con il sostegno di Compagnia di San Paolo e Regione Piemonte, il patrocinio della Città di Torino, le collaborazioni di Fondazione Torino Musei e Associazione Pasquale Anfossi di Genova.

With the support of Compagnia di San Paolo and Regione Piemonte, the patronage by City of Turin, the collaborations of Fondazione Torino Musei and Associazione Pasquale Anfossi in Genua.

Ospiti:
• il Fabrizio Festa Ensemble,
• il chitarrista Patrik Kleemola (Finlandia),
• il violinista Pierre Hommage (Francia) in trio con il Duo Alterno,
• il duo Claudi Arimany & Michel Wagemans (Spagna e Belgio),
• il Pomus Ensemble de I Pomeriggi Musicali di Milano,
• il Quartetto Arcadia.

L’invenzione della “cultura” secondo Arnold Gehlen

Con un mix sorprendente di protoromanticismo e neoevoluzionismo, L’uomo. La natura e il suo posto nel mondo (1940, rev. 1950 e 1978) di Arnold Gehlen teorizzava l’invenzione umana della “cultura” in termini che oggi non possono lasciare insensibili.
“Cultura” è la specifica capacità di adattamento dell’uomo all’habitat (preventivamente ostico) in cui si trova a vivere. La cultura stabilisce una «connessione organica» – e non semplicemente «causale», come invece accade agli animali – e comporta che l’uomo non tanto «viva» ma «diriga la propria vita».
La cultura come direzione di vita, come consapevole orientamento, come determinazione ed esplicitazione di un percorso che l’uomo ricerca e plasma assumendosene tutte le conseguenze...
In gioco, secondo Gehlen, è la stessa sopravvivenza del genere umano!
E noi, oltre a pensare che la musica sia imprescindibilmente “cultura” e “ricerca”, crediamo che egli abbia più che mai ragione.

Riccardo Piacentini

Direttore artistico

Fabrizio Festa Ensemble

Torino, GAM - Galleria d’Arte Moderna
Via Magenta 31
Domenica 31.10.2010 ore 16
(triplo concerto)

Loredana Colizzi voce
Fulvio Florio flauto
Simone Santini EWI e sassofoni
Raniero Gaspari regia del suono e computer
Fabrizio Festa direzione e sintetizzatori

Letture di Oliviero Corbetta

Musica dinamica

Da un’idea di Luisa Canal
su testi di Fortunato Depero (1892-1960)
nel cinquantenario della scomparsa

Simone Santini • Depero (2009)
Raniero Gaspari • Fortunato (2009)
Fabrizio Festa • Musica dinamica (2009)
"Spazio Italia 150"
Nuova commissione per i 150 anni dell’Unità d’Italia
Gianvincenzo Cresta • Sospesi – anonimi, diseredati, poeti
Prima esecuzione assoluta della versione per voce recitante, flauto, nastro magnetico e live-electronics, su testi dalla Costituzione della Repubblica Romana del 1849

Il 2010 annovera, tra le altre, due importanti ricorrenze: i cent'anni dalla nascita del Crepuscolarismo, per il quale Rive-Gauche Concerti ha realizzato il CD La voce crepuscolare. Notturni e serenate del '900 (Stradivarius 33839), e il cinquantenario dalla scomparsa di Fortunato Depero. Si tratta, in entrambi i casi e soprattutto nel primo, di ricorrenze che sono passate abbastanza inosservate, a riprova, come diceva il grande Max Weber, che «la cultura è una sezione finita dell'infinità [...] alla quale è attribuito senso e significato dal punto di vista dell'uomo» (in L'«oggettività» conoscitiva della scienza sociale e della politica sociale, 1904, tr. it. Torino 1958).

In questo programma di apertura della XXV edizione di Rive-Gauche Concerti, XIV con il titolo Musiche in mostra, cinque artisti provenienti da Bologna articolano su un'idea di Luisa Canal tre lavori di recente composizione esplicitamente dedicati al grande artista trentino Fortunato Depero. L'organico include anche un “electronic wind instrument” (EWI) e un sintetizzatore, cui verranno associate proiezioni e recitazioni, alcune delle quali dell'attore Oliviero Corbetta. Un evento, dunque, all'insegna della multimedialità, congegnato come un triplo concerto denso di rimandi e suggestioni.

Non solo, ma come per i successivi appuntamenti della rassegna ci sarà un momento espressamente rivolto ai 150 anni dell'Unità d'Italia, con una prima esecuzione assoluta dell'autore campano Gianvicenzo Cresta su testi della Costituzione della Repubblica Romana del 1849, una chicca da non perdere! (R. P.)

 

Patrik Kleemola

Genova, Palazzo Rosso
Via Garibaldi 18
Sabato 6.11.2010 ore 17
Torino, GAM - Galleria d’Arte Moderna
Via Magenta 31
Domenica 7.11.2010 ore 16
(doppio concerto)

Patrik Kleemola chitarra

Letture di Oliviero Corbetta

Serenate dell’unicorno

Mauro Bonifacio • Novità 150 *
Prima esecuzione assoluta
Francesco Maggio • NON – sei varie-azioni sull´essenza
Einojuhani Rautavaara • Serenades of the unicorn
I. A Nervous Promenade and Dance (with his own reflexion)
II. Serenading a Pair of Giggly Nymphes (Drunk of night)
III. Serenading the Beauty Unobtainable (Too far in time)
IV. Having a Grand Time (with some Scythian Centaurs)
Maria Radeschi • Il sogno eccèntrico *
Prima esecuzione assoluta
Heitor Villa-Lobos • Quattro studi
Toru Takemitsu • In the woods
Wainscot pond, after a painting by Cornelia Foss - Rosedale - Muir Woods
Antonio José • Sonata para guitarra
Allegro moderato - Minueto - Pavana triste - Final
* "Spazio Italia 150"
Nuove commissioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia

Nel secondo e terzo concerto di Musiche in mostra 2010 – XXV rassegna organizzata da Rive-Gauche Concerti, con il sostegno di Compagnia di San Paolo, i contributi di Regione Piemonte e Fondazione Torino Musei, il patrocinio di Città di Torino e la collaborazione di Associazione Culturale Pasquale Anfossi – il chitarrista finlandese Patrik Kleemola, già applaudito in Italia per le impeccabili performance al Festival Nuovi Spazi Musicali di Roma e al Teatro Dal Verme - Festival REBUS di Milano, si esibisce per la prima volta a Torino e Genova, con un programma che alterna brani contemporanei a brani archetipici del primo '900.

I primi sono rappresentati dagli italiani Francesco Maggio, Andrea Talmelli e Maria Radeschi, della quale viene presentata una prima esecuzione assoluta commissionata da Rive-Gauche Concerti e dedicata ai 150 anni dell'Unità d'Italia. Ad essi si affiancano due autori ampiamente accreditati della contemporaneità in Finlandia (il decano Einojuhani Rautavaara, che quest'anno compie 82 anni) e in Giappone (Toru Takemitsu, spentosi nel '96 e tutt'oggi riconosciuto come uno dei più rappresentativi autori della contemporaneità in Estremo Oriente).

Del '900 storico Kleemola esegue due pièce de résistance, armonicamente inseriti tra i lavori contemporanei: i brillanti Quattro studi del compositore argentino Heitor Villa-Lobos e la celebre Sonata para guitarra dell'iberico Antonio José, morto prematuramente all'età di 34 anni. (R. P.)

 

il Duo Alterno

Torino, GAM - Galleria d’Arte Moderna
Via Magenta 31
Domenica 14.11.2010 ore 15,30

Tiziana Scandaletti soprano
Riccardo Piacentini pianoforte

La voce contemporanea in Italia – vol. 5

Anteprima live del quinto disco della prestigiosa collana edita da Stradivarius
e prodotta da Rive-Gauche Concerti con i contributi di Regione Piemonte e Fondazione CRT

Giorgio Battistelli • Lettera di Angela
(da “Divorzio all’Italiana”)
Testo di Giorgio Battistelli
Versione per voce e pianoforte dedicata al Duo Alterno
Fabio Vacchi • Aria di Nadia
(da “Lo stesso mare”)
Testo di Amos Oz
Versione per voce e pianoforte dedicata al Duo Alterno
Lorenzo Ferrero • Da "Canzoni d’amore":
I. Mi palpita il cuore
Testi di Marco Ravasini, Lorenzo Ferrero, Pietro Metastasio

Pierre Hommage & il Duo Alterno

Genova, Palazzo Rosso
Via Garibaldi 18
Sabato 13.11.2010 ore 17
Torino, GAM - Galleria d’Arte Moderna
Via Magenta 31
Domenica 14.11.2010 ore 16
(doppio concerto)

Pierre Hommage violino

Tiziana Scandaletti soprano
Riccardo Piacentini pianoforte

Après une lecture de Bach

Johann Sebastian Bach • Partita in si minore BWV 1002
Allemanda - Double - Corrente - Double - Sarabanda - Double - Bourée - Double
Karol Beffa • Après une lecture de Bach
Alessandro Solbiati • Die Linie (da "Hölderlin Lieder")
Charlotte Seither • Klang und Schwebung
Luca Lombardi • Ophelia-Fragmente
Johann Sebastian Bach • Ciaccona in re minore BWV 1004
"Spazio Italia 150"
Nuova commissione per i 150 anni dell’Unità d’Italia
Luca Leone • Rossini Divertissement
Prima esecuzione assoluta

Il «magnifique violoniste», come lo definì Olivier Messiaen, Pierre Hommage condivide il 4° e 5° concerto di Musiche in mostra 2010 con il Duo Alterno (il duo «with a fine sense of comedic timing» ha scritto di recente il Washington Post). Un trio che, intorno al nome di Johann Sebastian Bach, articola un programma di capolavori contrappuntistici antichi e moderni.

I pilastri sono qui rappresentati dalla Partita in si minore e dalla celeberrima Ciaccona dalla Partita in re minore di Bach, cui si interfacciano quattro composizioni contemporanee, di cui quella del francese Karol Beffa esplicitamente dedicata a Bach (oltre che a Hommage) e le altre tre con forti matrici mitteleuropee. Il brano di Alessandro Solbiati, significativamente intitolato Die Linie su testi del grande poeta tedesco Friedrich Hölderlin, è un intenso e raffinato lavoro di contrappunto dedicato al Duo Alterno, che lo ha spesso eseguito nelle sue tournée. Il brano della compositrice di Bonn Charlotte Seither è invece una suggestiva indagine sulle potenzialità acustiche del pianoforte e su originali commistioni timbriche ottenute direttamente sulla cordiera. Gli Ophelia-Fragmente sono un grande affresco lirico in lingua tedesca, il cui pathos può rimandare per alcuni versi ai momenti più drammatici e introspettivi delle Passioni di Bach, sebbene proiettati nel Novecento grandguignolesco di Heiner Müller.

Quasi un encore il catartico Rossini Divertissement, composto da Luca Leone sull'esilarante Duetto buffo di due gatti di Gioachino Rossini (che forse però non ne è l'autore...), quale commissione di Rive-Gauche Concerti per i 150 anni dell'Unità d'Italia. Le riconosciute doti gestuali del Duo Alterno, qui affiancate da un «magnifique violoniste», contribuiscono alla forte plasticità di un lavoro nato e rinnovato con il sorriso.

Il concerto di Torino è inoltre impreziosito dalla anteprima del quinto CD della serie La voce contemporanea in Italia, edita da Stradivarius e prodotta da Rive-Gauche Concerti. A questa, che la Repubblica ha chiamato «un'antologia bellissima [...] un panorama che onora l'arte italiana del Novecento», è dedicato il preludio al concerto di domenica 14. Saranno eseguiti dal CD tre brani, di cui due dedicati al Duo Alterno - Lettera di Angela di Giorgio Battistelli e Aria di Nadia di Fabio Vacchi - e il terzo tratto dalle sette Canzoni d'amore di Lorenzo Ferrero. Tutti questi lavori, nella loro integralità, sono in prima incisione e documentano l'intancabile attività di ricerca del Duo Alterno, perché, come ha detto e ribadito il presidente Giorgio Napolitano, «rozzo e miope» è tralasciare «cultura e ricerca». Anzi, cultura è ricerca. (R. P.)

 

Claudi Arimany & Michel Wagemans

Torino, GAM - Galleria d’Arte Moderna
Via Magenta 31
Domenica 21.11.2010 ore 16

Claudi Arimany flauto
Michel Wagemans pianoforte

Letture di Oliviero Corbetta

Cantabile e Presto

Richard Strauss • Introduction, Thema und Variationen Op. 56
Georges Enesco • Cantabile e Presto
Bohuslav Martinu • Sonata n. 1
Allegro moderato - Adagio - Allegro poco moderato
Francis Poulenc • Sonata
Allegro malinconico - Cantilena - Presto giocoso
Sergej Prokofiev • Sonata
Moderato - Allegretto scherzando - Andante - Allegro con brio
"Spazio Italia 150"
Nuova commissione per i 150 anni dell’Unità d’Italia
Mauro Ronca • AILATIDITALIA
per pianoforte suonato sulla cordiera
Prima esecuzione assoluta. Al pianoforte l’autore

Il flautista spagnolo Claudi Arimany, che Jean-Pierre Rampal definì «uno dei migliori flautisti della sua generazione», e il pianista belga Michel Wagemans, già collaboratore dello stesso Rampal, di Janos Starker e Claude Delangle, sono i protagonisti di questo sesto concerto con atelier di Musiche in mostra 2010, in cui vengono presentati cinque importanti autori del Novecento storico provenienti da altrettanti Paesi europei: il bavarese Richard Strauss, il rumeno Georges Enescu, il boemo Bohuslav Martinu, il francese Francis Poulenc e il russo Sergej Prokofiev.

Il programma offre uno spaccato di cinquant'anni di repertorio per flauto e pianoforte, dal brillante Cantabile e Presto (1904) di Enescu alla celebre Sonata (1956-57) di Poulenc. Non manca la grande Sonata del '43 di Prokofiev, della quale il violinista David Oistrackh chiese all'autore una versione anche per il suo strumento, né la Sonata di Martinu, scritta intorno agli stessi anni in Massachussets, il cui terzo movimento riproduce il canto di un uccellino ferito che Martinu durante il suo soggiorno statunitense aveva curato e fatto nuovamente volare.

Il concerto prevede anche, come di consueto, una parte contemporanea. Si tratta della commissione al giovane compositore e pianista Mauro Ronca per i 150 anni dell'Unità d'Italia. AILATIDITALIA è infatti una prima esecuzione assoluta, affidata alle mani dello stesso autore, nella quale viene utilizzata intensivamente la cordiera del pianoforte per evocare in quattro movimenti i mari d'Italia. La performance sarà accompagnata da suggestivi foto-suoni e videoproiezioni. (R. P.)

 

Pomus Ensemble

Ensemble moderno de I Pomeriggi Musicali di Milano
Torino, GAM - Galleria d’Arte Moderna
Via Magenta 31
Domenica 28.11.2010 ore 16

Sergio Casesi tromba Igor Riva violino
Marcella Schiavelli violoncello Fabiano Casanova pianoforte

Letture di Oliviero Corbetta

Kermesse di autori contemporanei

Francesco Pavan • 150 Operauna * per tromba, violino, violoncello e pianoforte
Prima esecuzione assoluta
Alessandra Ciccaglioni • Extensa per pianoforte
Davide Anzaghi • Cavour Trio * per violino, violoncello e pianoforte
Prima esecuzione assoluta
Hans Werner Henze • Sonatina per tromba
Marco Reghezza • Un violino per amico per violino
Alberto Cara • Noche per tromba e pianoforte
Mario Cesa - Insolite alchimie * per tromba, violino, violoncello e pianoforte - Prima esecuzione assoluta
Girolamo Deraco • Ineluttabile per violoncello solo
Daniela Terranova • Dis-canto per violino e violoncello
Mauro Porro • Nei pensieri di Camillo (in una notte insonne) * per tromba, violino, violoncello e pianoforte
Prima esecuzione assoluta
* "Spazio Italia 150"
Nuove commissioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia

Gran finale di Musiche in mostra 2010 alla GAM di Torino con il Pomus Ensemble de I Pomeriggi Musicali e il Quartetto Arcadia. Entrambi i programmi sono costellati da prime esecuzioni assolute per i 150 anni dell'Unità d'Italia, in totale sette prime in due concerti. I compositori coinvolti provengono da tutta Italia, dalla Lombardia al Veneto, a Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Campania, Sicilia... e rappresentano un significativo spaccato dell'«abbondanza», come direbbe Paul Feyerabend, che contraddistingue la molteplicità dell'oggi, da «conquistare» assai più che da omologare e semplificare.

Programmazione che, nello spirito di Rive-Gauche Concerti da ormai venticinque anni, si propone di offrire un panorama ampio, disincantato, persino disomogeneo ma non per questo incoerente, di quella realtà che viene talvolta chiamata “musica contemporanea” e che abbraccia, anche quando prescinde da dichiarate contaminazioni, espressioni eterogenee e culturalmente sorprendenti. La creazione come «novità imprevedibile» (Henri Bergson), imprevedibile per lo stesso artista e per gli operatori del settore che non vogliano stancarsi di stupire e di stupirsi, facendosi promotori di messaggi che travalicano gli stereotipi.

Le prime esecuzioni di Francesco Pavan, Davide Anzaghi, Mario Cesa, Mauro Porro, Andrea Ferrante, Gianfranco Gioia e Roberto Di Marino sono qui affiancate, come d'uso nei concerti di Musiche in mostra, da brani sia di altri autori viventi (perché alle prime esecuzioni dovranno pur seguirne delle altre...) sia di decani della contemporaneità come Hans Werner Henze, sia ancora di storici rappresentanti del migliore Novecento storico, in questo caso francese, come Jean Françaix, Eugene Bozza e Alfred Desenclos, maghi nell'utilizzo dei fiati. (Riccardo Piacentini)

Quartetto Arcadia

Torino, GAM - Galleria d’Arte Moderna
Via Magenta 31
Domenica 5.12.2010 ore 16

Gianfranco Brundo sax soprano
Corrado La Marca sax contralto
Salvatore Cutrò sax tenore
Marco Caruso sax baritono

Letture di Oliviero Corbetta

Quattro sax in rondò

Jean Françaix • Petit Quatuor
Gaguenardise - Cantilène - Serenade comique
Eugene Bozza • Andante et Scherzo
Alfred Desenclos • Quatuor
Allegro moderato - Andante calmo - Poco allegro, ma risoluto - Allegro energico
Franco Oppo • Spirale
Patrizio Marrone • Rondò
Andrea Ferrante • D’intensa intesa *
Prima esecuzione assoluta
Gianfranco Gioia • Souvenir d’Italie *
Prima esecuzione assoluta
Roberto Di Marino • Suite italiana *
Prima esecuzione assoluta
* "Spazio Italia 150"
Nuove commissioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia

 

 



 

Rive-Gauche Concerti
Strada degli Alberoni 12/22, 10133 Torino - Tel. e fax +39.011.6614170
Copyright © 2017 Rive-Gauche Concerti