Biografia di Arianna Astolfi

Arianna Astolfi si laurea nel 1995 in Architettura presso il Politecnico di Torino e si iscrive all’Ordine degli Architetti della Provincia di Torino nel 1996. Consegue il titolo di Dottore di Ricerca in Fisica Tecnica presso l’Università di Genova nel 2000, discutendo la tesi dal titolo Strumenti e metodi per la progettazione del comfort ambientale, Analisi e implementazione di modelli per la progettazione del comfort termico e acustico. Dal 1° ottobre 2002 è ricercatore universitario di Fisica Tecnica Ambientale presso il la I Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino. Attività didattica universitaria: dall’anno accademico 2002/03 è titolare del corso di “Fisica Tecnica” nell’ambito del corso di laurea in Disegno Grafico e Virtuale presso la I Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino; dall’a. a. 2003/04, presso la stessa Facoltà, è titolare del corso di “Progettazione acustica” e del Workshop “Misurare l’ambiente interno”, nell’ambito del corso di laurea in Architettura; nell’a. a. 2003/04 è stata titolare del corso di “Comfort interno dell’autoveicolo” nell’ambito del corso di laurea in Ingegneria dell’autoveicolo presso la I Facoltà di Ingegneria del Politecnico di Torino; dall’a. a. 2004/05 è titolare del corso di “Illuminazione e acustica” nell’ambito del corso di laurea in Architettura presso la I Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino. Dal 1996 svolge regolarmente lezioni sui temi del comfort ambientale acustico nell’ambito del “Master in Ergonomia” e del master in “Facilities Management per il patrimonio immobiliare” del C.O.R.E.P. (Consorzio per la Ricerca e l’Educazione Permanente) del Politecnico di Torino; ha svolto inoltre corsi di aggiornamento sull’acustica edilizia presso l’Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Ferraris di Torino. Dal 1997 al 2001 ha partecipato a programmi di ricerca finanziati dal MURST aventi come oggetto le tecniche di analisi in campo, la modellazione fisica e la simulazione numerica delle grandezze fisico tecniche negli ambienti interni. Nell’ambito del dottorato di ricerca ha approfondito il tema del comfort acustico negli ambienti di vita e di lavoro e dell’intelligibilità del parlato. Su questo secondo argomento è stata coautrice di un capitolo pubblicato sul Manuale di Acustica edito da UTET nel 2001. L’approfondimento delle tematiche acustiche in particolare riferite all’intelligibilità della parola, e dunque alla determinazione di parametri come la “funzione di trasferimento della modulazione”, ha portato allo studio di altre forme di intelligibilità, come quella del canto gregoriano all’interno delle cattedrali Gotiche. Dal 2001 partecipa a programmi di ricerca finanziati dalla Provincia di Torino relativi alla riqualificazione ambientale acustica del patrimonio di edilizia scolastica della Provincia di Torino. Dal 2002 collabora con l’Università degli Studi di Perugia, Dipartimento di Ingegneria Industriale, Sezione Fisica Tecnica, ad un programma di ricerca relativo al controllo dell’inquinamento acustico negli intorni aeroportuali. Dal novembre 2003 la principale tematica di ricerca riguarda il restauro acustico conservativo dei teatri d’opera, attività svolta nell’ambito del PRIN 2003 (Programma di Ricerca Scientifica di Interesse Nazionale) L’acustica dei grandi ambienti per la rappresentazione musicale, cofinanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica. Del 2004/5 è la sua collaborazione all’attività di consulenza per la Sala del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino.